Home » Morciano di Leuca: Uno dei borghi più autentici d’Italia

Morciano di Leuca: Uno dei borghi più autentici d’Italia

morciano di leuca-lecce-salento
, ,

In questo articolo, andremo il più a sud possibile nella penisola italiana fino al borgo di Morciano di Leuca. Siamo nel Salento, una sottoregione diventata molto conosciuta e amata dai turisti di tutto il mondo. Scopriamo di più su questo fantastico borgo.

Dove si trova Morciano di Leuca?

Per una visuale, Morciano di Leuca è fondamentalmente in fondo al tacco del famoso stivale italiano. Tecnicamente fa parte della provincia di Lecce ma è più vicino a Gallipoli sul versante ionico. La maggior parte delle persone finisce per visitare questa cittadina leggermente nell’entroterra durante le vacanze al mare a Torre Vado, Pescoluse o Santa Maria di Leuca.

morciano di leuca-torre vado-lecce
Torre Vado

Un po’ di storia

Come quasi tutto nel Salento, le origini di Morciano risalgono al Paleolitico. Il primo insediamento databile della storia “recente” risale al IX secolo d.C. quando il vicino insediamento di Vereto fu distrutto da un’invasione araba e gli abitanti fuggirono e si stabilirono a Morciano di Leuca. Alcuni credono che il nome Morciano deriva probabilmente dalla parola merce poiché era probabilmente un importante porto e centro commerciale.

Sebbene si trovi a soli quattro chilometri nell’entroterra del Mar Ionio, Morciano si trova in realtà su un’area leggermente sopraelevata conosciuta come Serra Falitte a circa 130 metri sul livello del mare.

La Costa ionica e le sorgenti di acqua dolce

La zona è conosciuta per i suoi sorgenti, di acqua dolce che scorrono tra le rocce lungo un tratto di costa di Torre Vado. Prima degli anni ’80 e prima che la zona conoscesse il boom del turismo e dei visitatori “esterni”, i locali utilizzavano le piscine termali per un bagno rinfrescante dopo una lunga e faticosa giornata di lavoro nei campi o per lavare la biancheria preziosa.

morciano di leuca-spiaggia-torre vado

Un altro fenomeno interessante della zona è noto come le Vore di Barbarano del Capo, profondi abissi della terra che raggiungono una profondità di 35 metri e che sono legati a molte leggende e superstizioni tra i locali.

Il centro storico di Morciano di Leuca

Ci sono diversi edifici e chiese che vorrai visitare nel centro storico. Una è la cappella dedicata alla Vergine Maria di Costantinopoli che risale al XVI secolo. Una pietra monolitica unica nota come menhir è affrescata con l’immagine della Vergine e del bambino.

Un’altra è la Chiesa Madre di San Giovanni Elemosiniere. La chiesa fu eretta nel XVI secolo e progettata inizialmente in stile romanico con aggiunte successive di architettura barocca. San Giovanni l’Elemosiniere è anche il patrono di Morciano di Leuca e le sue reliquie sarebbero state un tempo conservate all’interno della chiesa.

morciano di leuca-lecce-salento

Frantoi ipogei  

Noterai anche una massiccia ruota in pietra nella piazza della chiesa che è una testimonianza dell’antica storia della produzione dell’olio della zona. I frantoi sotterranei sono presenti in molte zone del Salento e della Calabria. È possibile organizzare una visita tramite guide turistiche locali e associazioni pro loco.

Dimore antiche

Non puoi perdere le interessanti dimore storiche che sono disposte con cortili aperti. Questi spazi comuni erano i luoghi in cui i contadini si riunivano per lavare i panni nella cisterna e anche per lavorare il grano sui grossi blocchi di pietra. La sera, quando le temperature calavano, i paesani si riunivano per cantare canzoni e raccontare storie o continuare il loro lavoro in compagnia. Questa è un’usanza molto praticata anche oggi.

Castello Valentini

Il Castello Valentini è un’imponente fortezza che risale all’anno 1335. Fu costruito per Gualtieri VI e originariamente aveva quattro torri difensive. Il castello è ancora di proprietà privata della famiglia Valentini.

Di sicuro non penterai di aver visitato Morciano di Leuca, uno dei borghi più autentici d’Italia.

copyright ultima foto: Di Lupiae – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9620157